For appointments call 3398447653 or write to elena@elenasalamon.com.

HOKUSAI KATSUSHIKA, IL FUJI, COPIA DEL VERO n. 47

HOKUSAI KATSUSHIKA, IL FUJI, COPIA DEL VERO n. 47

Regular price
€280,00
Sale price
€280,00
Regular price
Sold out
Unit price
per 
Tax included. Shipping calculated at checkout.

Shashin no fuji

Serie: Cento Vedute del Fuji, Fugaku Hyakkei

Tecnica:nishikie, xilografie in due toni di grigio e uno di rosa.

Formato:hanshinbon koban (mm circa 183x123)

Formato:hanshinbon koban dittico (mm circa 183x253)

Firme: Zen Hokusai Iitsu aratame Gakyorojin Manji

Sigillo dell’artista: Fuji no Yama

Date: 1834- 1836.

Incisori:Egawa Tomekichi e Tsentaro

Editori:Nishimura Yuzo, Eirakuya Toshiro.

Bellissima prova con buoni contrasti, in una quarta edizione pubblicata da Tohikedo nel 1852 con il caratteristico tono di rosa. Impressa su carta del Giappone, in ottimo stato di conservazione, con margini intonsi tutt’intorno oltre la linea marginale.

 

Bibliografia:

Calza G.C. Hokusai, il vecchio pazzo per la pittura, Milano 1999-2000, Londra, 2003.

Calza G.C. Hokusai, le cento vedute del Fuji, Milano, 1982.

Dickins F.V. Fugaku hiyaku-kei: one hundred view of Fuji by Hokusai, Londra, 1880.

Forrer M. Hokusai, prints and drawings, Londra, 1991.

Hillier J. The art of Hokusai in book illustration, Londra, 1980.

Lane R. Hokusai, vita ed opere, Milano, 1991.

Salamon Villa T., Le cento vedute del Fuji,Torino, 1975.

Smith II H. Hokusai: one hundred view of Fuji by Hokusai,Londra, 1988.

 

Un artista (di un certo rango, come suggerito dalla spada stesa con cura su un panno a terra al suo fianco) è assorto nella contemplazione, incurante dell’attività dei suoi servitori. La sua attenzione sembra essere rivolta al tempietto al di là del fiume. Un airone, appollaiato su un palo, sembra os­servare la scena.

I primi commenti alla tavola vedevano nel pittore qui raffigurato, proprio Hokusai. Secondo i commentatori giapponesi, ciò non è possibile, in quanto il maestro non aveva i mezzi per mantenere tre servitori, come appare nel disegno. In ogni caso, anche interpretando tali figure come discepoli, Nobuo ha osservato come Hokusai non disegnasse mai dal vero. Shashin, copia del vero (e non dal vero).