Dal 18 al 31 luglio la galleria non opererà con l'orario usuale, per appuntamenti e informazioni telefonare al 3398447653. Grazie

HOKUSAI KATSUSHIKA, Il Fuji come uno specchio, Kyodai fuji
, n.25

HOKUSAI KATSUSHIKA, Il Fuji come uno specchio, Kyodai fuji
, n.25

Prezzo di listino
€420,00
Prezzo scontato
€420,00
Prezzo di listino
Venduto
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse. Spedizione calcolata al momento del pagamento.

Serie: Cento Vedute del Fuji, Fugaku Hyakkei 

Tecnica: nishikie, xilografie in due toni di grigio.

Formato: hanshinbon koban dittico (mm circa 183x253)

Firme: Zen Hokusai Iitsu aratame Gakyorojin Manji

Sigillo dell’artista: Fuji no Yama

Date: incise tra 1834 – 1836, impresse tra il 1850 e il 1870

Incisori: Egawa Tomekichi e Tsentaro

Editore: Katano Toshiro.

 

Splendida prova con buoni contrasti, nella terza edizione dai legni originali. Impressa su carta del Giappone, in ottimo stato di conservazione, con margini intonsi tutt’intorno oltre la linea marginale.

 

Bibliografia:

Calza G.C. Hokusai, il vecchio pazzo per la pittura, Milano 1999-2000, Londra, 2003.

Calza G.C. Hokusai, le cento vedute del Fuji, Milano, 1982.

Dickins F.V. Fugaku hiyaku-kei: one hundred view of Fuji by Hokusai, Londra, 1880.

Forrer M. Hokusai, prints and drawings, Londra, 1991.

Hillier J. The art of Hokusai in book illustration, Londra, 1980.

Lane R. Hokusai, vita ed opere, Milano, 1991.

Salamon Villa T., Le cento vedute del Fuji, Torino, 1975.

Smith II H. Hokusai: one hundred view of Fuji by Hokusai, Londra, 1988.

 

Da una località vicino ad Edo è possibile, al tramonto, vedere il sole perfettamente posizionato a corona sulla cima del Fuji, con i raggi a disegnare il simbolo stesso del Giappone, il Sol Levante. 

In tempi moderni, la figura allegorica e stilizzata del sole coi raggi a corona in colore rosso acceso su campo bianco, costituisce l’insegna navale del Giappone.

I contenitori per asciugare il sale suggeriscono l’identificazione della località, vicino Gyotoku oppure Kisarazu nella baia di Edo, luoghi famosi per la preparazione del sale.

Tavola ricca di umanità: l’attracco della barca dei pescatori, il pescatore sulla passerella col bilancere a portare il pacchetto del suo pasto e la fiasca del sakè, il cane che annusa il cesto della pesca.